Souchard

FISIOTERAPIA E RIABILITAZIONE

SOUCHARD – RIEDUCAZIONE POSTURALE GLOBALE

Che cos’è RPG e dove incentra il suo lavoro?

I principi di base di questa metodica si eseguono sul paziente con tre punti fermi:

1)Individualità:
Ogni persona ha la sua individualità e reagisce in modo diverso alle aggressioni.

2)Causalità:
Partendo dal sintomo è necessario trovare la causa.

3)Globalità:
Per eseguire il principio di causalità bisogna essere globali cioè (es.) Ogni persona crea dei meccanismi automatici di difesa ,per evitare il dolore,provocando effetti, quali contrazioni muscolari in tutto il corpo (la messa in tensione di tutti i muscoli che sono contratti e che quindi danno il dolore”sintomo”.

La Rieducazione Posturale Globale, RPG® nasce nel 1981 dagli studi del Prof. Philippe E. Souchard.

Come si attua?

L’ R.P.G. agisce sulle cause che determinano i disequilibri morfologici secondo una visione globale della persona vista nella sua unitarietà. Si tratta di una vera e propria presa di coscienza di quello che il corpo è in grado di dirci relativamente alle forme ed alle condizioni di muscoli e articolazioni, individuando come le tensioni muscolari presenti in ognuno alternino la normale simmetria corporea. Attraverso movimenti precisi ed esercitando i muscoli “dimenticati” si lavorerà per restituire lunghezza, elasticità e benessere alla muscolatura contratta. Il paziente prende coscienza dell’organizzazione del propri movimenti e diviene arterfice del ripristino della sua postura ideale. Come si svolge una seduta? Ogni seduta si apre e si chiude con una valutazione della propria morfologia in diverse posture. Queste posture sono semplici posizioni con le quali il paziente apprende come poter riequilibrare, allineare e stirare lungo l’asse un corpo che, per ragioni diverse, devia. Il paziente potrà progressivamente mantenere la postura per tutta la durata di una seduta, 45/60- minuti, in un allineamento rigoroso; restituendo alla muscolatura la sua lunghezza fisiologica ed al corpo un nuovo schema di utilizzo delle proprie catene articolari con delle immagini motorie più giuste. Il terapista accompagna, aiuta e modella; fornisce degli appoggi, fa manovre rilassanti, opera insieme al paziente. Il trattamento è individuale.

Quali sono gli obiettivi?

A scopi fisioterapici viene applicata per:

• Anomalie strutturali, quali scoliosi, iperlordosi, ipercifosi, ginocchia vare o valghe, piedi piatti o cavi.
• Anomalie articolari cervicali, dorsali o lombari.

• Anomalie respiratorie che riguardino l’escursione toracica, diaframmatica, la frequenza ed il ritmo ventilatorio.

• Limitazioni funzionali post – traumatiche e post – operatorie.

• Patologie dello sport, agonistico e non.

La Rieducazione Posturale Globale® è un metodo originale e rivoluzionario di riabilitazione osteomuscolare basato su un semplice principio: tutta l’attività muscolare –statica e dinamica– è sempre concentrica e comporta un accorciamento muscolare, ragione per la quale bisogna rieducare permanentemente il muscolo in stiramento. La RPG fa parte delle discipline terapeutiche che considerano l’essere nella sua globalità. Osserva l’individuo da un punto di vista sia strutturale che funzionale. Individua le disfunzioni che sono alla base della patologia al fine di eliminare o ridurne le cause. Guida il paziente al proprio e originale stato di salute, modificandone il modo di percepirsi e di usare le parti del proprio corpo, con particolare riguardo alla postura, ai muscoli ed alla mobilità articolare. In questo senso si applica sia in condizioni fisiologiche che patologiche. Il riequilibrio posturale riflette la conformazione di base del paziente, con una correzione dell’equilibrio muscolare patologico indotto dalla malattia o dalle deformazioni muscolo-scheletriche. Da questo punto di vista il danno in un singolo segmento corporeo (per esempio la pianta del piede) può evolvere in una attitudine posturale che coinvolge la colonna vertebrale. La rieducazione posturale globale guarda alla ripercussioni su tutto il sistema muscolo scheletrico e “mira” a prevenire o correggere l’anomalia posturale. L’approccio è “dolce” applicabile in condizioni di ridotta resistenza o stress corporeo, adatto anche ai bambini e alle persone anziane.